giovedì 27 agosto 2015

La contrada " Tirone "




Il Tirone (paesaggio panoramico del borgo)



Tirone, località appartenente al territorio di Chiaiano, zona situata su una collinetta, (rappresentante il limitare del Comune di Napoli), dalla quale scollinando, si giunge nel Comune di Marano, in località Poggio Vallesana. Proprio dalla vicina località Vallesana è avvalorata il toponimo di Tirone.


Entrata nell'abitato del Borgo Tirone






Il toponimo Tirone al Borgo gli fu posto dal  noto servo Tirone, schiavo di Cicerone, divenuto poi Liberto e suo segretario fidato, quale dono ricevuto per i servigi a Lui espletati, come lo scrivere tutte le sue orazioni ed i suoi discorsi fatti nel Senato, in una forma sintetica, ma precisa, inventando così i primi embrioni della scrittura stenografica.
Tirone, alias Marco Tullio Tirone, è considerato l'inventore del sistema stenografico "le Note Tironiane, costituito da simboli utilizzati in sostituzione di radici verbali o lettere finali.
Tirone, malato di tisi era venuto a curarsi in una villa, donatagli dallo stesso Cicerone in quella zona, già nota ai Romani come salubre e miracolosa per guarigioni di quel male, nota come Vallum Sanun .
Il Borgo del Tirone attualmente è divenuta località turistica gastronomica, in quanto è uno dei siti ristoratori come specialità  di Masserie Agriturismo. 
Note sono il rinomato "Agriturismo del Tirone, ora conosciuto  come “Il Ciliegio”. ubicato alla fine della salita di Via  Tirone;

 
Ingresso Agriturismo Tirone , ora noto come il Ciligio a Chiaiano



e l'agriturismo "Antica Masseraia Fioretti" situata alla fine del confine di Marano in mezzo alla natura lussureggiant della  campagna verde  del  Tirone.





Agriturismo " Antica Masseria Fioretti " al Tirone


Ed infine dal ristorante Pizzeria "I Giardini di Bacco " di zi' totonne Smeraglia, situato all'inizio di Via Tirone con vista sull'antico canalone del Pendino che porta nella selva di Chiaiano.




Ristorante " I giardini di Bacco Di Zi' Totonne " al Tirone

Da ricordare , infine, che nel borgo del Tirone nel periodo natalizio viene allestito dai membri dell’associazione cattolica della Chiesa di San Giovanni Battista di Chiaiano il presepe vivente con figuranti e mestieri dell’epoca della natalità di Gesù.
manifesti del Presepe vivente di Chiaiano a Via Tirone






  1. Fondo rustico Amato Lamberti In via Tirone ( Chiaiano)



Il Borgo Tirone è divenuto infine, negli ultimi tempi, famoso per la confisca del primo bene alla Camorra , ( 14 ettari di campagna coltivati pescheto e vigneto) noto come " fondo rustico Amato Lamberti" dove si è solito trascorrere la Pasquetta  (gita del Lunedì in albis) a costo zero di intere famiglie  della città di Napoli.


lunedì 24 agosto 2015

ìo guarracino (noto come la Castagnola)






'o Guarracino  (la Castagnola)


La Castagnola  o Guarracino, è un piccolo pesce dal corpo ovale compresso lateralmente. Ha la testa corta, con muso corto e con profilo ottuso, munita di una sola narice per lato. L’Occhio è  ben sviluppato e la bocca terminale, piccola, molto protrattile. Il colore è bruno scuro con macchiette dorate disposte longitudinalmente e con riflessi azzurri. Comune in tutto Mediterraneo vive a fitti banchi lungo le scogliere e lungo le banchine portuali. Raggiunge una lunghezza massima di 15 cm. Dal punto di vista culinario non è un granché ma fritte sono buone.
Nomi regionali o stranieri: Campania: Guarracino; Sicilia: Munachedda;  Francese: Castagnole; Inglese: Damselfish; Spagnolo: Castañuela o Damisela.


Il testo della famosa rarantella e le diverse specie di pesce enumerate:
Lo Guarracino che jéva pe mare
le venne voglia de se 'nzorare,
se facette nu bello vestito
de scarde de spine pulito pulito
cu na perucca tutta 'ngrifata
de ziarèlle 'mbrasciolata,
co lo sciabò, scolla e puzine
de ponte angrese fine fine.
Cu li cazune de rezze de funno,
scarpe e cazette de pelle de tunno,
e sciammeria e sciammereino
d'aleche e pile de voje marino,
co buttune e bottunera
d'uocchie de purpe, secce e fera,
fibbia, spata e sciocche 'ndorate
de niro de secce e fele d'achiate.
Doje belle cateniglie
de premmone de conchiglie,
no cappiello aggallonato
de codarino d'aluzzo salato,
tutto pòsema e steratiello,
ieva facenno lo sbafantiello
e gerava da ccà e da llà;
la 'nnammorata pe se trovà!
La Sardella a lo barcone
steva sonanno lo calascione;
e a suono de trommetta
ieva cantanno st'arietta:
«E llarè lo mare e lena
e la figlia da sià Lena
ha lasciato lo nnamorato
pecché niente l ha rialato».
Lo Guarracino 'nche la guardaje
de la Sardella se 'nnamoraje;
se ne jette da na Vavosa
la cchiù vecchia maleziosa;
l'ebbe bona rialata
pe mannarle la mmasciata:
la Vavosa pisse pisse
chiatto e tunno nce lo disse.
La Sardella 'nch'a sentette
rossa rossa se facette,
pe lo scuorno che se pigliaje
sotto a no scuoglio se 'mpizzaje;
ma la vecchia de la Vavosa
subbeto disse: «Ah schefenzosa!
De sta manera non truove partito
'ncanna te resta lo marito.
Se aje voglia de t'allocà
tanta smorfie non aje da fa';
fora le zeze e fora lo scuorno,
anema e core e faccia de cuorno».
Ciò sentenno la sié Sardella
s'affacciaje a la fenestrella,
fece n'uocchio a zennariello
a lo speruto 'nnammoratiello.
Ma la patella che steva de posta
la chiammaje faccia tosta,
tradetora, sbrevognata,
senza parola, male nata,
ch'avea 'nchiantato l'Alletterato
primmo e antico 'nnamorato;
de carrera da chisto jette
e ogne cosa 'lle dicette.
Quanno lo 'ntise lo poveriello
se lo pigliaje Farfariello;
jette a la casa e s'armaje e rasulo,
se carrecaje comm'a no mulo
de scoppette e de spingarde,
povere, palle, stoppa e scarde;
quattro pistole e tre bajonette
dint'a la sacca se mettette.
'Ncopp'a li spalle sittanta pistune,
ottanta mbomme e novanta cannune;
e comm'a guappo Pallarino
jeva trovanno lo Guarracino;
la disgrazia a chisto portaje
che mmiezo a la chiazza te lo 'ncontraje:
se l'afferra p' 'o crovattino
e po lle dice: "Ah malandrino!
Tu me lieve la 'nnammorata
e pigliatella sta mazziata".
Tuffete e taffete a meliune
le deva pàccare e secuzzune,
schiaffe, ponie e perepesse,
scoppolune, fecozze e conesse,
scerevecchiune e sicutennosse
e ll'ammacca osse e pilosse.
Venimmoncenne ch'a lo rommore
pariente e amice ascettero fore,
chi co mazze, cortielle e cortelle,
chi co spate, spatune e spatelle,
chiste co barre e chille co spite,
chi co ammennole e chi co antrite,
chi co tenaglie e chi co martielle,
chi co torrone e sosamielle.
Patre, figlie, marite e mogliere
s'azzuffajeno comm'a fere.
A meliune correvano a strisce
de sto partito e de chillo li pisce
Che bediste de sarde e d'alose!
De palaje e raje petrose!
Sarache, dientece ed achiate,
scurme, tunne e alletterate!
Pisce palumme e pescatrice,
scuorfene, cernie e alice,
mucchie, ricciole, musdee e mazzune,
stelle, aluzze e storiune,
merluzze, ruongole e murene,
capodoglie, orche e vallene,
capitune, auglie e arenghe,
ciefere, cuocce, tracene e tenche.
Treglie, tremmole, trotte e tunne,
fiche, cepolle, laune e retunne,
purpe, secce e calamare,
pisce spate e stelle de mare,
pisce palumme e pisce martielle,
voccadoro e cecenielle,
capochiuove e guarracine,
cannolicchie, ostreche e ancine,
vongole, cocciole e patelle,
pisce cane e grancetielle,
marvizze, marmure e vavose,
vope prene, vedove e spose,
spinole, spuonole, sierpe e sarpe,
scauze, nzuoccole e co le scarpe,
sconciglie, gammere e ragoste,
vennero nfino co le poste.
Capitune, saure e anguille,
pisce gruosse e piccerille,
d'ogni ceto e nazione,
tantille, tante, cchiu tante e tantone!
Quanta botte, mamma mia!
Che se devano, arrassosia!
A centenare le barrate!
A meliune le petrate!
Muorze e pizzeche a beliune !
A delluvio li secozzune!
Non ve dico che bivo fuoco
se faceva per ogne luoco!
Ttè, ttè, ttè, ccà pistulate!
Ttà, ttà, ttà, ccà scoppettate!
Ttù, ttù, ttù, ccà li pistune!
Bu, bu, bu, llà li cannune!
Ma de cantà so già stracquato
e me manca mo lo sciato;
sicché dateme licienzia,
graziosa e bella audenzia,
nfi che sorchio na meza de seje,
co ssalute de luje e de leje,
ca se secca lo cannarone
sbacantànnose lo premmóne


martedì 21 luglio 2015

Spaghetti o Vermicelli alla Scammaro



Le ricette  dalla tradizione borbonica… spaghetti allo scammaro







Spaghetti alla Scammaro


Il termine “scammaro” nasce a Napoli durante il Regno delle Due Sicilie (Il Regno delle Due Sicilie venne istituito da Ferdinando di Borbone – Re nasone, Re lazzarone – in seguito alle deliberazioni del Congresso di Vienna e il Trattato di Casalanza che sopprimevano il Regno di Napoli e il Regno di Sicilia e ne faceva un unico Regno. Il Regno delle Due Sicilie è esistito dal 1816 al 1861.  ed identificava i giorni della quaresima e tutti gli altri giorni nei quali, per i precetti religiosi, era obbligatorio mangiare di magro, ovvero giorni nei quali non si poteva mangiare carne.
Lo “scammaro” è un altro piatto della cucina povera napoletana e che in periodi di crisi economica come quelli che stiamo vivendo andrebbe decisamente riscoperto.
Ingredienti per 4 persone

250 gr di spaghetti;  2 spicchi d’aglio;  2 alici sott’olio
una manciata di olive bianche e nere;  1 cucchiaino di pinoli
1 cucchiaino di uva sultanina;  1 cucchiaio di capperi
olio extravergine di oliva;  prezzemolo, sale e pepe qb.

Procedimento
 
Mentre l’acqua per gli spaghetti è sul fuoco, denocciolate le olive e tagliatele a pezzetti. Mettete i capperi in acqua per togliere il sale in eccesso. Mettete l’uva sultanina in acqua per farla rapprendere. Scolate i capperi e l’uva e tagliate. In una padella capiente mettete l’olio con l’aglio e stemperate a fuoco moderato le alici. Aggiungete il resto degli ingredienti e cuocete per pochi minuti. Togliete l’aglio. Aggiungete un mestolino di acqua di cottura della pasta. Scolate gli spaghetti al dente e grondanti d’acqua. Mantecate e aggiungete il prezzemolo. Servite caldi.

sabato 11 luglio 2015

'A Pera Mastantuono

 il meraviglioso frutto estivo
" la pera di mastantuono"


La pera Mastantuono


La pera mastantuono (in dialetto napoletano Pera e’ Mast’Antuono’) è una particolare varietà di pera di dimensioni molto piccole e rotondeggianti, che vede il massimo della sua produzione nel mese di agosto.
La pera mastantuono ha una polpa soffice e profumatissima;. purtroppo, attualmente assieme ad altre varietà di frutta locali, è stata soppiantata, nonostante le ottime qualità organolettiche dei frutti, da cloni con pezzature più grandi.
La Pera Mastantuono è eccellente soprattutto per la consistenza e la profumazione, solitamente.
viene consumata fresca o trasformata in marmellata o in pasticceria imbottita con ricotta e ricoperta di cioccolata.
 Il perché di questo nome lo ritroviamo in una testimonianza , si racconta  che..questa pera è corposa e dolce, ma è necessario che non sia ancora matura quando serve per preparare le famose “ pere mbuttunate”, una vera leccornia, che era considerata anche simbolo di abbondanza e buon augurio.
La  singolare storia legata a questo frutto, si tramanda che  “ Un contadino aveva un albero di pero, molto dispettoso, perché non aveva mai nel corso degli anni prodotto una sola pera, nonostante le sue cure e la sua attenzione. Per questo, stanco e disilluso, decise di tagliarlo e di vendere il legno, Uno scultore ne acquistò il tronco e fece una statua raffigurante Sant’Antonio che fu benedetta e messa in chiesa. Il contadino, venuto a conoscenza del fatto, si portò accanto all’immagine e disse” Io ti cunosco piro e nun facevi pere, mo’ si Sant’Antonio e vuo’ fa’ ‘e grazie? ”(io ti conosco albero di pero che non produceva alcuna pera, ora che sei Sant’Antonio come puoi fare le grazie?”)”.
Da qui ha origine, con molta probabilità, il nome pera Mast’Antuono e questa frase è diventata proverbiale e si usa nei confronti di qualcuno che vuol sembrare buono e santo ed invece non lo è.




La pera Mastantuono, detta anche “pera ‘e Mast’Antuono’” prodotta nelle aree interne della Campania e in particolare nelle province di Avellino, Salerno e Napoli è una pera di dimensioni molto piccole, rotondeggianti, con il peduncolo corto. È di colore tendente al giallo con picchiettature e screziature marroni e la sua polpa è soffice e profumatissima.  La pera Mastantuono, oltre che consumata fresca, è anche ottima per la trasformazione: è un ingrediente privilegiato per il confezionamento della marmellata, oppure viene usata in pasticceria imbottita con ricotta e ricoperta di cioccolata. 

mercoledì 8 luglio 2015

Un' estate a mare di tanti anni fà

Un' estate a mare di tanti anni fà
Dopo una giornata di una pioggia estiva durante un luglio è un trittico di poesie


'a spiaggella 'e villa marina  come era

A Spiaggella ‘e Villamarina.


 Nu murzille ‘e spiagge fra duje scoglie annascuse
‘Na lengua ‘e mare ca l’accarezza........     addiruse
‘Nu prufume ‘e oleandre  pe’ l’aria se sente
e, po’………….  ..tutte attuorne se spanne.

‘Nce manche sule  na sirena
 pe' cumpletà’  ‘st’angule ‘e paravise.
Ma po’ all’impruvvise. me scete,
Arape l’uocchie e te veche.
Si, si, è ‘a spiaggella ‘e Villamarina,
ca si putesse, sotte a ‘stu ciele Blù
nun 'a lassarrìe ......... cchiù.



la spiaggetta di Villamarina  (Camerota) come è ora





‘O Ritorne (l'anno dopo)

So’ turnate, n’ata vota,’o stesse poste
agge truvate ‘a stessa spiaggia
agge truvate ‘o stesso mare blù,
   però, nun ‘nce staje… tu!

Agge truvate ‘e stesse piante,
agge truvate ‘o stesse risturante,
 agge truvate ‘o stesse ciele blù,
    però, nun nce staje… tu!

L’aria è sempe ‘a stessa, ‘e primma qualità
‘a gioventù, comm’ ‘a sempe, se dà da’ fa’.
Se saglie , se scenne ,
se perde cocche chile ‘e cchiù,
   però, nun nce staje… tu!

Nun me voglie rassignà', pirciò ogne sera
facenneme  ‘a solita passiggiata,
pensannete, me vulesse spiegà’
pecchè nun te riesche a ‘ncuntrà’

Te veche ‘nte facce ‘e tutte quante
Oglioche, nce stà   ‘o stesse professore,
veche pure don Antonie, Don Salvatore

Veche Marilene, Giovanna, Gabriele
Pe’ fine Enze, ca se crede ‘o chiù belle
e va sempe facenne ‘o solite farenelle.
 Me guarde attuorne, te vache cercanne,
  però, nun nce staje… tu!
Mo .... ! Agge capite, pecchè nun nce staje cchiù!
Si’,..... l’anne passate, ca nun torne cchiù!.




‘A Sirena ( da spiaggella)



Sto’ aspettane, chisà’?, ‘a quanne,
mo’, surtante, so’ sicure.

‘A Sirene ca cercave,
all’intrasatte agge ‘ncuntrate.


L’agge viste dint’ ‘o suonne,
mo’, v’ ‘o diche, mo’, v’ ‘o conte!
Stammatine ‘ncopp’ ‘all’ onne
‘na Sirene è accumparute.

Uocchie azzurre comm’ ‘o ciele,
trecce bionde culor d’ ore,
‘na faccelle tonne e fine
cu ‘na vocche coralline.

Cu ‘na voce doce doce
……………..po’ m’ ha ditte:
: “So venute! Me cercate!
Ma, nun pozze restà' assaje,


Appartenghe a n’ate munne
ca nun devente maje rialtà.
Si me vuò, sempe a te vicine
‘e fà’, sule, ‘nu suspire!
E je corre, subbete, a t’ aiutà
pecchè je so’ …. ‘a serenità".








lunedì 22 giugno 2015

Il mito di Maradona a Napoli



IL mito di Maradona

Altarino inneggiante Diego Armando Maradona a Napoli










 Inno di benvenuto  al calciatore " Diego Armando Maradona  a Napoli



Fu il luglio del 84′ e tutto Napoli si produsse in un delirio generale: i quotidiani locali stamparono delle edizioni straordinarie, i giornalisti della  testata "Napolinotte" regalavano l'edizionwe serale del giornale alle auto in coda sul Corso Vittorio Emanuele, mentre si accingevano ad andare far festa a Mergellina. Poi la famosa incoronazione al San Paolo, che si riempì come mai era accaduto. Bambini e vecchi a guardare con gli occhi spalancati Diego, che regalò qualche palleggio,  qualche sorriso, una punizione meravigliosamente bella e poche parole urlate al cielo: “Grazie Napoli!”.
Poi è accaduto l’incredibile, e anche di più. Per Napoli Maradona è stato tutto, il più bel romanzo d’amore fra una città e un giocatore, senza paragoni. Diego è stato una sorta di figlio adottivo fatto a perfetta immagine dei genitori acquisiti: più napoletano della genialità partenopea, più napoletano delle miserie umane di Napoli.
Maradona è preso dall’amore folle della gente di Napoli, continua a fare vita a sé, ma sente anche il dovere di ricambiare quella passione travolgente di chi, pur in mezzo a mille difficoltà, trovava con lui una gioia mai provata prima. Napoli apparteneva a Lui e si raccontava con un malinconico brivido quel che succedeva alla fine di ogni allenamento, sul piccolo campo di Soccavo, al Centro Paradiso, sede sportiva azzurra, dove gli scugnizzi si mettevano buoni, per una volta.
Il Napoli in quel fantastico periodo vince praticamente con Lui solo due Scudetti (’87 e ’89) , una Coppa Uefa (’89) ed una Coppa Italia .
Maradona è osannato come un Dio vivente , una santo protettore, e la città pare come se LUi la portasse in braccio. Napoli impazzisce di gioia rivelandosi nel suo lato più bello. fu la più bella poesia mai scritta sul calcio,ed ogni napoletano riuscì ad esprimere versi che nascevano nel cuore , nell'animo come quello con striscioni indimenticabili, come quello raccontato da Ciro Ferrara dopo il primo Scudetto, lasciato sventolare affianco al tipico bucato appeso nei quartieri poveri: “Me pensavo ca murevo e ‘stu juorno nunn’o vedevo”.
Lo striscione più sensazionale che fu posto all'ingresso del cimitero di Poggereale di napoli: " Guagliù:  E' ca ve site Perze ". dopo la conquista del primo scudetto, nel 1987.





 :


Dopo una settimana , ci fu la risposta dall'aldilà:
" Ma chi ve l'ha ditte, pure nuje aimme festeggiate"!


L’abbraccio dei napoletani è così forte da divenire fin da subito asfissiante. Diego non può praticamente uscire di casa, ed è anche per questo che aspetta la notte. In mezzo a tutti i successi, i trionfi, troviamo ovviamente anche il marcio. Il Maradona dei night, delle frequentazioni imbarazzanti 
Si disse anche in quel periodo di tutto e di più, furono accuse sacrosante e i pettegolezzi più infami non mancarono, come l'accusa, di essere tossicomane,tale da sprofondare terribilmente negli inferi di Napoli e del suo vuoto esistenziale.


Può sembrare strano, ma per almeno cinque anni Maradona è stato un drogato e anche il miglior calciatore della storia. L’apice della sua carriera furono i Mondiali ’86, senza dubbio. Il famoso Mondiale vinto da solo, grazie anche alla famosa “mano di Dio”, il gol degli undici tocchi partendo dalla propria area scartandosi mezza Inghilterra, i passaggi perfetti, il repertorio imbarazzante. Quel Campionato del Mondo mandò in delirio non solo il popolo argentino, ma soprattutto quello napoletano. Non è mai esistita persona che abbia portato tanta allegria in realtà povere come ha fatto Maradona. In questo, almeno in questo, è stato il più straordinario portabandiera del calcio, e nessuno può negarlo.
Tanti sono gli episodi della sua vita dietro ai quali si nasconde un intero mondo; le battaglie, le relazioni, il famoso “hijos de puta!” urlato in faccia alla telecamera ai tifosi romani che  fischiavaro l’inno argentino. Maradona ha avuto tanti torti, tantissimi,  non sempre aveva ragione, ma negli attacchi dei potenti del calcio uscì con le ossa rotte perdendo tutte le sue battaglie. La conseguenza della sua generosità diciamo autodistruttiva è stata quella più che naturale: andare a fondo senza trascinare nessun altro nel baratro, ma continuando ad essere adorato da tutti i suoi compagni. Ha venduto l’anima al diavolo ma non ha mai commesso infamie contro qualcuno; ne ha invece subite molte.
 
Nel ’91 arrivò una squalifica grave dopo una partita col Bari per doping (la coca ovviamente): 15 mesi fuori. 
Nel tabernacolo sta un'ampolla, dove sono conservate "Le lacrime amare dei Napoletani" dopo la sua finenella sua permanenza a Napoli.
L’Inizio della fine, la fuga da Napoli, gli arresti, la guida pericolosa, la dipendenza dalla droga arrivata a livelli disperati. Si racconta che abbia lasciato malamente Napoli, ma non fu così.
 A Montecalvario come alla Sanità, a Posillipo come ai Quartieri Spagnoli, è sempre tuttora presente, come se giocasse ancora. Si vendono ancora le sue maglie, è citato nella simpatia finta e autocompiaciuta di certi ambienti (la scritta “Per noi Maradona è un poeta” alla Feltrinelli della stazione) così come nell’anima vera di Napoli: il famoso “altarino di Maradona” con le sue foto, i santini e un suo presunto capello tenuto sotto teca. 
La carriera del calciatore Diego Maradona è praticamente finita a Napoli, ma la storia d’amore tra lui e la città va avanti ancora.
Maradona fece in tempo a segnare un ultimo gol a un Mondiale, quello del ’94, e fu bellissimo. Era ormai un ex calciatore, ma sottoponendosi ad una dieta ferrea era tornato in condizioni accettabili. La sua presenza era stata fortemente voluta per scopi commerciali, probabilmente accompagnata da garanzie (poi tradite) di non sorteggiarlo al controllo antidoping. Era cocainomane confesso e aveva assunto anche dell’efedrina, sostanza usata per sopportare la fame durante le diete estreme. Fu sorteggiato dopo quel gol meraviglioso, seguito dall’urlo liberatorio, e il suo Mondiale finì subito. Oltre al danno, la beffa: si sentì usato, aveva ragione.
Cosa c’è altro da dire. E’ stato più volte sul punto di morte, si è gonfiato a dismisura riuscendo poi a rientrare nel peso forma, ha avuto problemi col fisco italiano , ha allenato l’Argentina in un Mondiale.
 Se l’è sempre cavata, è uscito dal tunnel della droga e ha trovato una maggiore stabilità emotiva. Speriamo che riesca a risorgere ancora meglio col passare degli anni.
Non ci sarà più un giocatore in grado di incarnare un mito come Diego. E’ stato un paradigma di bellezza, la fantasia al potere, il genio che supera naturalmente la regola. Chi lo adora osserva il suo lato oscuro senza giudicare, talvolta considerando i suoi difetti come pregi visti di spalle. Non a caso fu coniato lo slogan " la classe nun è acqua" pensando a Diego Maradona.

Tutto questo amore per un calciatore , come Diego Armando Maradona. si può definire vera "passione"



mercoledì 17 giugno 2015

le lettere straniere minuscole dell'alfabeto italiano

Soluzione del quiz di sasà del 15 giugno 2015



Premesso che la lingua italiana è composta da lettere singole, le quali, messe assieme, compongono tutte le parole di senso compiuto di un linguaggio. Le lettere dell’alfabeto italiano sono ventuno più l'aggiunta di 5 speciali lettere straniere e possono essere scritte con caratteri minuscoli o maiuscoli.
Eccole  come si presentano in un elenco, ciascuna con il proprio segno  distintivo e caratteriale.

Alfabeto italiano completo con aggiunta delle 5 lettere straniere






Ecco come si scrive la " K " in minuscolo corsivo




Ecco come si scrive la " W " in minuscolo corsivo


Ecco come si scrive la " J " in minuscolo corsivo

Ecco come si scrive la " Y " in minuscolo corsivo



Ecco come si scrive la " X " in minuscolo corsivo