lunedì 6 novembre 2017

Quarta ed ultima puntata del processo di piazza del plebiscito : il Verdetto



Il Processo a Piazza del Plebiscito

Pubblicato il da salvatore43
Quarta ed ultima puntata 
IL Verdetto 
La mia riflessione fu interrotta per un momento, perché all’improvviso tra la folla appare un attempato signore, con un mandolino fra le braccia, che accompagnato con un altro signore, che, saliti sulla scala che portava su quell’improvvisato palcoscenico, si imposero all’attenzione di tutti..
Li riconobbi subito : Erano Giovanni Gaeta, un caro amico di mio nonno, meglio conosciuto con il suo pseudonimo E. A. Mario, scrittore e compositore della famosa canzone “ la leggenda del Piave “ e l’altro era Il poeta, Don Peppino Fiorelli, che sintetizzò i guai prodotti dall’ultima guerra nella poesia, che fu musicata dal Maestro Nicola Valente, che divenne poi la Canzone famosa in tutto il mondo e conosciuta col titolo :                    “ Simme ‘e Napule, Paisà.”

Don Peppino Fiorelli, Autore dei versi" Simme 'e Napule Paisà"

Giovanni Gaeta  ( alias E. A. Mario )      
scrittore e compositore di canzoni







Musicista  Nicola Valente, musicò " simme ' e Napule Paisà"










Mandolino classico Napoletano











Mandolino tascabile  

I versi divennero la parola d’ordine dell’auspicata pacificazione non solo fra vincitori e vinti, ma anche fra italiani e italiani, contrapposti da una guerra civile non voluta, né mai dichiarata. I versi dicevano :“Chi ha avuto, ha avuto, ha avuto, chi ha dato, ha dato, ha dato, scurdammece ‘o passato, simme ‘e Napule! Paisà!”
Fu concesso la parola al poeta musicista, Giovanni Gaeta, come detto noto con lo pseudonimo di E. A
Mario, che parlò di episodi, che avevano caratterizzato il popolo di Napoli durante la prima guerra mondiale, quella del 1915 –1918 con le semplici note di canzoni, ed era stato capace di mettere tutti d’accordo.
Le canzoni erano “ la notissima leggenda del Piave” e la meno nota “Serenata all’Imperatore” che aveva dedicato al kaiser Francesco Giuseppe, che aveva denigrato le truppe italiane su un giornale austriaco affermando:

 

LA CANZONE

Serenata All’Imperatore

(Versi e musica di E.A Mario)
===========================


Maistà, venimmo a Vienna,
venimmo cu chitarre e manduline,
pecchè sunammo a’ penna,
pecchè tenimmo ‘e guappe cuncertine!

Tutt’ ‘e pustiggiature
Ca stanne pe’ pusilleco e ‘ncittà
Cantante e prufessure,
cu suone e cante v’hanna fa’ scetà…

e  ‘o ritornello fa :
Mio caro Imperatore
primma ca muore
‘a vide ‘a nuvità,
ll’Italia trase a Trieste.
Ce trase e hadda restà! “
         


E pe’ cantà a ddoje voce
Venimmo cu Caruso e Pasquariello
Ll’uno ce mette ‘o ddoce
Ll’ato ce fa cchiù forte ‘o riturnello.

Vuje state dint’ ‘a Reggia
E v’affacciate pe’ ringrqazià’ :
è ‘o sciore d’ ‘a pusteggia,
so’ ‘e mmeglie voce ‘e Napule, Maistà !

E ‘o ritornello fa :
“ Mio caro Imperatore
primma ca muore
‘a vide ‘a nuvità,
ll’Italia trase a Trieste.
Ce trase e hadda restà! “

E quanne ‘e reggimente
fernesceno ‘e combattere cu vuje
Maistà, cu sti strumente,
a firmà ‘a pace, ce venime nuje!
Gnorsì! Chesto tenimmo :
chitarre e manduline pe’ cantà ….
Ma, quanno ce mettimmo,
‘e cannune se sentono, Maistà!

E ‘o ritornello fa :
“ Mio caro Imperatore
obbì tu muore
e chesta è ‘a nuvità,










E.A: Mario concluse l'intervento augurandosi di lasciare tutto come stava, ormai quelle statue appartenevono a Napoli ed invitò, poi, a rivolgere il pensiero solo al futuro per non ripetere gli stessi brutti errori commessi nel passato, ed iniziò a suonare insieme all’amico Peppino con il mandolino e cantando :“ pecchè basta ca ‘nce sta ‘o sole, ca ‘nc’ è rimasto ‘o mare, e pure si mo’ ‘nce stà ‘a munnezza, ‘o stesse jamme annanze, pecchè ‘nce sapimme ‘o stesse arrangià’ e, accussì, speranne ca dimane n’atu juorne nasciarrà cchiù belle, ca meglie ‘nce farrà stà’ e putimmo n’ata vota accumincià a campà! ”



Terminò infine il suo intervento affermando che Napoli non aveva bisogno d’essere capitale di un regno per esportare il suo patrimonio culturale, storico e filosofico, poiché aveva avuto un dono naturale, quello di essere una meravigliosa località, che grazie alla sua esposizione al sole, ed al clima temperato riusciva a saper sopportare ogni avversità, che la vita le riservava.
Accussì ‘nce n’ascimme, Don Saviere mie!” Sussurrò all’orecchio dell’arzillo pensionato, Donna Concetta e poi continuò: “ passammo pe’ scansafatiche, pe’ ggente rassignate, pe’ chille ca campene cu ‘a mentalità do’ vivere alla jurnata, e dimane po’ se vede”.
Don Saverio serio serio replicò: “ ‘nce avimme st’accorte, pecchè nuje stamme sotto l’uocchie vigile da’ muntagnna nosta, ‘O Vesuvio,


Il Vesuvio di Napoli





    
che, quando meno te l’aspiette, farà cagna’ ogni ccosa, nce farà une è chilli mali servizie, comme già ha fatto po’ passato e ‘nce farà proprie scumparì. Sperammo ca nun capitarrà all’epoca nosta ‘stu disastre. Pirciò cu ‘na canzona, co’ campà’ ‘a jurnata, nun se risolvene ‘e prubbleme, chille rimmanene!. Mo ‘sta statua ca n’avimma fa’? S’adda luvà’, e chi ‘nce mettime ‘o poste suje, Donna Cunce’!”
Non dobbiamo fare filosofia spicciola, stammece zitte! Aspettamme ‘o verdetto, ma po’ , ‘a levane o nun levane, a nuje nun ce trase niente dint’a sacca. È sule pe’ fà’ giustizia a Storia.? ‘E Re, ‘e Riggine, e Nobbele,’e Scritture, l’avvucate,’e puliteche è  ‘n’atu munne, ca nuje, gente do’ popole, nun putimme maje capì! ‘A jurnata llora è diversa da nosta, nuje avimme affannà’ pe’ tirà’ annanze, llore nun sanne, comm’hanne fa’ ,invece pe’ passà’ ‘a jurnata.”
Ad ogni intervento gli astanti presenti nella piazza, ora applaudivano, ora fischiavano, quando le argomentazione non erano di loro gradimento, ed erano tutti intenti ed attenti o ad ascoltare ed ad interpretare ciò che era detto sull’argomento della rimozione della statua di Vittorio Emanuele II. Quando si decise di procedere alla chiusura delle testimonianze per far sì che la Giuria potesse emettere il verdetto d’abbattimento o rimozione della statua in discussione, apparve come per incanto tra la folla Pulcinella, la maschera, il mito, che incarna nel modo più vero i napoletani.



la mschera teatrale di Pulcinella
( il simbolo di Napoli per eccellenza )




Pulcinella è l’impersonificazione, infatti, in primo momento dei napoletani, (che sono dotati di una furbizia eccezionale, mentre nella realtà rappresenta uomini semplici, forse i più deboli, che attraverso i loro istinti primitivi, le loro contraddizioni), incarna il desiderio di rivincita, dopo le continue avversità, e la voglia di vivere. Sa essere opportunista, ironico, critico e senza inimicarsi nessuno si schiera sempre ed innanzi-tutto solo dalla parte della vita, perché Lui è la vita.
Dopo un primo stupore ed un rumoreggiare indistinto, c’era chi affermava : “ è meglio che ce n’andiamo sta per finire in una carnevalata, e come tutte le cose
che si fanno a napoli .

Pulcinella con voce pacata e seria quasi come a declamare la recita di un copione inizia a dire: “ Il mio verdetto, che consiglierei a questa emerita giuria, che qui autorevolmente è rappresentata, è questo – spostiamo la statua di Vittorio Emanuele II, non è un Re di Napoli!
- 1° perché è un usurpatore, ‘nu mariuole, poi nun se dignate manche ‘e se fa chiammà’, Re di Piemonte, di Sardegna e di Napoli, anze ‘nce ha mise ‘o scuorne ‘nfaccia, facennece guvurnà a ‘nu suoje delegato governative.
- – 2° ‘ A nicchia vacanta spetta a ‘nu rignante sule ‘e Napule, pirciò sarrià accussì belle ammirà a chille poste ‘a cchiù granda reggina c’ avimme avute a Napule, Maria Sofia, l’urdema Reggina ‘e Napule, s’ ‘o ‘merete, ha cumbattutte pe’ salvà ‘ o regne ‘e Napule comma ‘nu lione.
- 3° Facimme pure ‘na cosa assaje giuste, tra tante uommene, na bella femmene ‘nce sta proprie buone e facimme pe’ ‘na vota ‘na sacrosanta giustizia. Facimme cuntente per le pari opportunità pure ‘e femministe.”


La Statua del Re Vittorio Emanuele. II



Maria Sofia di Baviera
L’ultima Regina del Regno di Napoli












La Giuria accolse, dopo l’acceso dibattimento svoltosi nella Piazza, il consiglio di Pulcinella, che impersonificò il vero popolo sovrano di Napoli e decretò che tutti gli atti ed la rimozione della Statua fossero passati alla Corte Costituzione, al Governo, al Parlamento, al Consiglio Regionale della Campania , al Consiglio della Provincia di Napoli ed al Consiglio del Comune di Napoli per la sua applicazione definitiva e nell’attesa dell’esecuzione del verdetto si sperava che non passassero altri 100 e più anni.


C’è stato un seguito con altri personaggi della storia di napoli
allora ci risentiamo un’altra volta se vi è piaciuto
” Il Processo a Piazza del Plebiscito “

mercoledì 11 ottobre 2017

L'impero di Roma, Imperatori leggittimi ed usurpatori



  

I confini dell'Impero di Roma


I territori che formavano l?impero Romano dal 1° al 476  d. C.





Gli imperatori dell’Antico Impero Romano furono all’incirca 81 ,  che furono riconosciuti legittimi, e circa 57 imperatori, i cosiddetti usurpatori, che regnarono dal Primo  secolo d.C. al 476 d.C.
Il primo Imperatore, forse il più grande, fu Ottaviano Augusto, che regnò dal 27 a.C. al 14 d.C. per circa 40 anni, mentre l’ultimo fu Romolo Augustolo, che regnò solo un anno dal 475 al 476.
Gli imperatori dell’Antico Impero Romano che sono stati ritenuti, come usurpatori del titolo imperiale, anche se ugualmente regnarono per poco tempo a volte giorni, mesi o anni furono all’incirca 57.

Il primo Imperatore usurpatore fu: Marco Opellio Antonino Diadumeniano, regnò nel 218/218  aveva l'età di 10  anni per solo  giorni 45, ebbe poco tempo per godere della sua posizione, perché le legioni della Siria si ribellarono e proclamarono il quattordicenne Eliogabalo come imperatore dell'Impero Romano. . Diadumeniano venne decapitato e la sua testa venne presentata come trofeo ad Eliogabalo. È l'imperatore che ha regnato per meno tempo di ogni altro.
 mentre l'ultimo imperatore usurpatore fu:Flavio Basilisco, regnò nel  475/476
 è stato anche imperatore romano d'Oriente della casata di Leone; regnò per un breve periodo (9 gennaio 475-agosto 476), quando l'imperatore Zenone fu obbligato a lasciare Costantinopoli a causa di una rivolta.
Basilisco era il fratello dell'imperatrice Verina, moglie dell'imperatore Leone I.  Dopo venti mesi di regno venne spodestato da Zenone, che catturò e uccise Basilisco e la sua famiglia.
                                                           11
I gruppi dinastici in ordine cronologico furono. 10
I gruppi dinastici degl'Imperatori legittimi, più  noti succedutosi cronologicamente sono:
 1^ i Giulio – Claudii (dal  1° al  69 d.C.)
 2^ I Flavii  (dal  69 al  96 d.C.)
 3^ Gli Antonini  (dal 96 al 197d.C).
 4^ I Severi  (dal 197 al 235 d.C.)
 5^ Anarchia Militare (dal 235  al 268  d.C.)
 6^ Restaurazione Imperiale (dal 268 al 305 d.C.)
 7^ I successori di Diocleziano (305 al 337 d.C.)
 8^ I Costantiniani (dal 337 al  364 d.C.)
 9^ I Valentiniani  (dal 364 al  455 d.C.)
10^ Gli ultimi senza dinastia (dal 455 al 476 d.C)
Dal quel momento circa l’anno 500 d.C. i paesi europei sono stati sempre divisi e separati come regni o repubbliche autonome.



DINASTIE E IMPERATORI ROMANI FINO ALLA CADUTA

DELL’IMPERO D’OCCIDENTE  (Elenco sintetico. Fonti varie)

I GIULIO-CLAUDII
Augusto (27 a.C. – 14 d.C.)
Tiberio (14 – 37)
Caligola (37 – 41)
Claudio (41 – 54)
Nerone (54 – 68)
Galba (68 – 69)
Otone (69)
Vitello (69)                                                       Imperatori  ----  8 
I FLAVII
Vespasiano (69 – 79)
Tito (79 – 81)
Domiziano (81 – 96)                                          Imperatori ----  3   

GLI ANTONINI
Nerva (96 – 98)
Traiano (98 – 117)
Adriano (117 – 138)
Antonino Pio (138 – 161)
Marco Aurelio (161 – 180)
coreggenza con Lucio Vero fino al 169
Commodo (180 – 192)
Pertinace (192 – 193)
Marco Didio Giuliano (193)
Gaio Pescennio Nigro (193 – 194)
Decimo Clodio Albino (193 – 197)                  Imperatori ----  11  


I SEVERI
Settimio Severo (193 – 211)
Caracalla (211 – 217)
coreggenza con il fratello Geta fino al 212
Opellio Macrino (217 – 218)
Elagabalo (218 – 222)
Alessandro Severo (222 – 235)                      Imperatori ----  6

ANARCHIA MILITARE
Massimino il Trace (235 – 238)
Gordiano I (238)
Gordiano II (238)
Pupieno (238)
Balbino (238)
Gordiano III (238 – 244)
Filippo l’Arabo (244 – 249)
Decio (249 – 251)
Treboniano Gallo (251 – 253)
Emiliano (253)
Valeriano (253 – 260)
Gallieno (253 – 268)                                     Imperatori ----  12

RESTAURAZIONE IMPERIALE
Claudio Gotico (268 – 270)
Aureliano (270 – 275)
Claudio Tacito (275 – 276)
Floriano (276)
Probo (276 – 282)
Caro (282 – 283)
con i figli Numeriano (282 –284) e Carino (282 – 285)
Diocleziano (284 – 305)
in coreggenza con Massimiano (286 – 305)        Imperatori ----  10

I SUCCESSORI DI DIOCLEZIANO
Costanzo I Cloro (305 – 306)
Galerio (305 – 311)
Flavio Severo (306 – 307)
Massenzio (306 – 312)
Costantino I il Grande (306 – 337)
Massimino Daia (308 – 313)
Licinio (308 – 324)                                         Imperatori ----  7 

I COSTANTINIANI
Costantino II (337 – 340)
Costante (337 – 350)
Costante II (337 – 361)
Magnezio (350 – 353)
Giuliano l’Apostata (360 – 363)
Gioviano (363 – 364)                                    Imperatori ----  6 

I VALENTINIANI
Valentiniano I (364 – 375)
Valente (364 – 378)
Graziano (367 – 383)
Valentiniano II (375 – 392)
Magno Clemente Massimo (383 – 388)
Teodosio I (379 – 395)
Onorio (395 – 423)
Giovanni (423 – 425)
Valentiniano III (425 – 455)                          Imperatori ----  9 

GLI ULTIMI IMPERATORI D’OCCIDENTE
Petronio Massimo (455)
Avito (455 – 456)
Maggioriano (457 – 461)
Libio Severo (461 – 465)
Antemio (467 – 472)
Olibrio (472)
Glicerio (473 – 474)
Giulio Nepote (474 – 475)
Romolo Augustolo (475 – 476)                    Imperatori ----  9 

                                                   Totale imperatori        81 
 


 ===========================================================



Elenco degli usurpatori del titolo di “Imperatore romano d’occidente” che erano imposti durante l'anarchia Militare che va dal 218 al al 303
Diadumeniano                218/218   età 10  anni 0  giorni 45
•Taurino                        ?222/235                               0             1
•Quartino                        235/235
•Marino Pacaziano       ?248/248
•Iotapiano                       249/249
•Uranio Antonino           ?253/254
•Giulio Valente Liciniano 250/250
•Mariades                      ?253/259
•Ingenuo                          259/259                  
•Postumo                       ?260/269
•Regaliano                       260/260
•Macriano                       ?260/261
•Quieto                           ?260/261
•Celso                            ?260/268
•Saturnino                      ?260/268
•Tebelliano                     ?260/268                                                                  usurp      16
•Valente Tessal(on)ico     261/261
•Pisone Frugi Tessalico    261/261
•Ballista                             261/261
•Mussio Emiliano             ?261/262
•Aureolo                            268/268                           giorni   90
•Leliano                             269/269
•Mario                               268/268                             giorni   3
•Censorino                      ?268/270                             giorni   7
•Vittorino                          ?269/270
•Domiziano II                    ?270/271                                                                          10
•Tetrico (padre)                 ?271/274
•Settimi(n?)o                       271/272   
•Vaballato                           272/272
•Saturnino                         ?280/281 
•Proculo                             ?280/281
•Bonoso                             ?280/281
•Sabino Giuliano                ?283/285
•Carausio                           ?286/293
•Alletto                                ?293/296   
•Domizio Domiziano           ?296/297                                                                      10
•Achilleo                               297/297
•Eugenio                               303/303
•Domizio Alessandro           ?308/310
•Valerio Valente                     314/316                        giorni  30
•Magnezio                              350/353  età 47 anni 3  giorni 202
•Vetranio                                350/350                         giorni 294
•Nepoziano                            350/350                          giorni  27
•Silvano                                  355/355                          giorni  28
•Fermo                                 ?372/375
•Magno Massimo                   383/388              anni 5  giorni  88                                10
•Vittore Flavio                         387/388              anni 1  giorni 268
•Eugenio                                 392/394              anni 2   giorni  14
•Costantino III                        ?406/411
•Massimo                               ?409/411
•Attalo                                    ?409/416             anni 1
•Giovino                                  ?411/413
•Sebastiano                              412/412
•Eracliano                                 412/412
•Giovanni                                  423/425   età 44  anni 1  giorni 180
•Marciano                                  450/457   età 55
• Flavio Basilisco                                   475/476               anni 1  giorni 201                                   11
                                                                                               ----------------------------------------------
 Totale imperatori usurpatori                                                                                             57