domenica 11 ottobre 2009

A festa 'e Piererotta

Facciata della Chiesa di S.Maria di Piedigrotta



Comm’ ere belle “Piererotte”

Ere ‘na festa, ca nun teneve cunfronte

Ere ‘na festa, ca durave otte juorne.
S’accumiciave a sera do’ sette ‘e settembre
e Napule tutta, se rigneve ‘e ‘tanta gente.

Ere permesse tutte, scherze, fanfarunate

curiandele ‘nfacce, spintune, spillunate
‘nta ‘nuttate, po’ tutte distrutte, a casa te ritirave,
ire felice, ire state ‘a Piererotte e nun te lamentave.

L’autorità lassave fà', nun faceve niente,

si steve zitte, ere ‘o mode pe’ fa’ sfugà la gente
ca subbeve tutte ‘e juorne li priputenze,
‘e tante ‘nfamità, fatte dalli sue eccellenze.

Ogne quartiere e pendone 'e viche partecipave

cu carre chine ‘e sciure e frutte ‘nghirlandate,
ca simbuleggiavene l' abbunnanza
ca mettevene ‘nto core alleria, 'a speranza.

‘E giuvene specie chille cchiù ‘nziste

cu grosse cuppulune ‘e carta peste
appise a ‘na mazza cu ‘nu file ‘e spave
pe’ spasse, te l’acalavene ‘ncape.

Quanne ‘a sotte ‘o cuppulone ascive

‘nfacce curiandele e resate ricevive
si po’ t’arraggiave, e arapive ‘a vocche
‘na lengue ‘e mennelicche, t’arrivave ‘mmocche.

Ere ‘a festa pe’ ‘nvucà ’a speranza,

pirciò ‘a città addeventave ‘na paranza
aro’ putive ammirà’ a ogne pendone
‘vampiette carreche ‘e cozzeche ‘e mellune

Se cantave, se sunave, se pazziave,

ere ‘na festa ca ‘o munne ’nce ‘mmeriave.
Mo!, Piererotte, è sule ‘nu ricorde, e nustalgia,
‘nc’ è rimaste ‘a rotta, e ‘o nomme ‘e ‘na via.

2 commenti:

  1. utente anonimo29 ottobre 2009 12:17

    < non solo sei stato abile  nel descrivere la tradizione  carnevalesca a Napoli con una varietà infinita di sfumature, ma hai anche saputo trovare le assonanze giuste  e non è semplice in una poesia dialettale...Ti abbraccio forte, Angela...Infinityfuture>

    RispondiElimina
  2. usato anche quando si lasciano accese, le luci in casa.. :)

    RispondiElimina