lunedì 4 febbraio 2008

'O Pazzariello

‘O Pazzariello è un mestiere, che veniva esercitato a Napoli negli anni che vanno dalla fine del ‘700, per tutto l ’800 e fimo agli anni 50 del ‘900.
‘O Pazzariello era un mestiere ambulante, saltuario e l’esercitava chi senza un lavoro, pur di guadagnare quel poco per vivere o per arrotondare, si vestiva bizzarramente con abiti del tipo da Generale Borbonico, (ossia indossava una marsina con bordi argentati, una camicia con svolazzi nascosta da un panciotto di color rosso fuoco, da brache colorate a strisce bianche e nere, che a mezza gamba poggiavano su calzettoni, color rosa, sgargianti, calzava, poi, scarpe con ghette e per copricapo portava una feluca inghirlandata e per darsi un po’ di tono sul petto della marsina aveva appuntato patacche senza valore, come fregi.)
‘O Pazzariello si presentava in pubblico impugnando in una mano un bastone dorato e nell’altra, bene in vista,  un fiasco di vino, o altri prodotti di prima necessità (pane, pasta) che andava pubblicizzando per conto di unanuova “Cantina” (Osteria) o di una nuova "Puteca" (negozio alimentare).
In realtà il vecchio Pazzariello fu l’antesignano degli attuali imbonitori pubblicitari e si può definire un banditore, che, vestito di variopinte uniformi, per le vie della città informava il popolo dell’apertura di nuovi negozi recitando e cantando filastrocche, accompagnato da una sua piccola banda di suonatori, generalmente, un tamburino, un putipù, uno scetavajasse  e un triccheballacche.


Totò che interpetra il Pazzariello nel film l'oro di Napoli
                                                    



Per avere una idea precisa chi era ‘O Pazzariello, basta vedere o rivedere il film ideato da Vittorio De Sica, che trasse dal libro del grande scrittore MarottaL’oro di Napoli”, dove il personaggio del Pazzariello fu interpretato magistralmente da quell’artista che fu Antonio De Curtis, in arte (Totò).
Oggi lo si può ancora incontrare non più come banditore di prodotti, ma come una sorta di posteggiatore, quale questuante, che appare in estate, di sera, nei ristoranti all’aperto di piazza Sannanzaro o nei pressi degli chalet del lungomare di Mergellina, offrendo agli avventori qualche filastrocca in cambio di qualche moneta.
La tradizione vuole che il mestiere veniva tramandato da padre in figlio, poiché ‘o pazzariello oltre a saper recitare e cantare doveva anche saper ballare al ritmo della musica, che emetteva la sua banda,

 Strumenti tipici popolari 
Scetavajasse, Triccheballacche, Putipù


Tammorra  (tamburello con sonaghi)
Tamburello da accompagnamento ad  un Pazzariello






composta dai suonatori di Putipù, Triccheballacche, Scetavajasse, e tammore, ritmati dal suono di un tamburello.
Alcuni di essi si possono incontrare nelle feste paesane e s’improvvisano in venditori d’asta di prodotti, messi all’asta, ricevuti come doni da contadini o dai negozi della zona, per incrementare l’entrate degli organizzatori della festa o della sagra (i cosiddetti Maste ’e Festa).
Ma quando in napoletano si dice “chille è pazzariello” sta a significare che è un burlone, è scherzevole, è un festevole a cui piace scherzare e far sorridere

7 commenti:

  1. COMPLIMENTI...alla storia, alla tradizione riesci sempre ad affinacare un momento di ricordi ilari!

    RispondiElimina
  2. mò te venco a legge cchiù spisso.
    Ma sulo pecchè nun tengo che fa. Mica penzerai ca io so napulitano?
    Io song de nnord.....nun ze sente?

    RispondiElimina
  3. vedi vedi prufusso' mica vengo solo per erudirmi qui mo aggia curiosa' su questo nordico con accento suddico vaco leggo m'incuriosisco ( leggasi me facc e blogazz suoi e .
    e non torno pecche' teng che fa'

    RispondiElimina
  4. questo blog riesce a resitituire un po' a Napoli quella dignità e quella cultura fin troppo dimenticata. Amedeo

    RispondiElimina
  5. utente anonimo12 agosto 2009 05:22

    complimenti all'autore, lavoro notevole...bravo!

    RispondiElimina
  6. 'o pazzariello è 'nu segno
    'nu segno e ll'anema
    'nu segno de chell'anema ca mo forse nun 'nce sta cchiù
    quanno 'o pazzariello se muveva
    sapeva ca parlava a 'ggente ca teneva core
    e che a ggente 'o steva a ssentì
    pecchè teneva n'anema

    'o pazzariello è n'u segno do teimpo
    e chillu tiemp 'e quanno 'bbastava n'u sguardo
    e chillu tiemp e quanno si te aggirav attuorno
    truvav frate e ssore dint'alluocche e ll'ate

    'mmo che a 'ggente de anema 'ne tene poca
    isso nun parla cchiù, e mmuorto e pe 'vie nunn 'o vide chiù
    ma dinto 'o core e tanta 'ggente 'nce stà ancòra
    basta dà all'anema cchiù 'ccore
    sul'accussì po turnà nata vota

    Pasquale Di Monaco

    RispondiElimina
  7. utente anonimo20 gennaio 2011 17:33

    'O Pazzariello non esiste più ... è da tempo ormai che le strade di Napoli non vivono più d'allegria . 

    RispondiElimina