sabato 11 marzo 2017

Quando Chiaiano divenne Comune a sè ed aveva il Sindaco



CHIAIANO QUANDO DIVENNE COMUNE AUTONOMO



Con la legge 08.08.1806 promossa durante la     Dominazione Francese si dà vita a quella che fu definita come “ L’ Eversione Feudale “, che fissava i criteri di una nuova struttura amministrativa del Regno delle Due Sicilie, che definiva così come cellula primaria della struttura :          -  Il Comune -

Alla guida del Comune viene posto “ il Decurionato, cioè un consiglio eletto dai Capofamiglia in pubblico parlamento, i cui componenti sono scelti fra gli iscritti del ruolo delle contribuzioni dirette con una rendita di almeno 24 Ducati, che abbiamo compiuto 21 anni di età, non siano debitori del Comune e che non abbiano pendenze nei suoi confronti.


Nei Comuni più piccoli territorialmente il Decurionato fu composto di 10 membri, un terzo dei quali dovevano  saper leggere e scrivere.
I Decurioni (i Consiglieri eletti) in seno al Consiglio della Municipalità nominano gli amministratori dell’Università (così era chiamato il Comune a quei tempi)
Il Sindaco, che diveniva il responsabile Amministrativo,  e  Due Eletti: Uno sovrintende alla polizia municipale e rurale,
L’Altro assiste e sostituisce il Sindaco in caso d’assenza o d'inabilità.
Il primo municipio di Chiaiano lo si deve al Re di Napoli Gioacchino Murat.
che lo costuì esattamente il 4 maggio 1811, quale centro urbano  dell'area settentrionale di Napoli al di sotto della collina dei Camaldoli. denominandolo

 " Chiaiano, Polvica, Santa Croce - Uniti ".


Dopo l'unificazione del territorio del Regno d'Italia 

con la legge 20 marzo 1865, n. 2248, .fu stabilito che tutto il territorio del nuovo stato fosse diviso in Province con a capo il prefetto, circondari con a capo il   sotto-prefetto e comuni con a capo il sindaco, che manteneva l'ambigua natura di rappresentante della collettività e di organo locale dello Stato.
Il sindaco inizialmente non fu elettivo, ma nominato per decreto regio ogni tre anni, sia durante il Regno borbonico e continuato poi nel regno d'Italia.Tale scelta  era  fatta fra i consiglieri comunali (in pratica era il Ministero dell’Interno che, su suggerimento del prefetto, procedeva alla scelta). Il Sindaco, quindi, era definito dalla legge «capo dell’amministrazione comunale e ufficiale di governo»,


 
Solo dopo i testi unici del 1889 e la legge n.164 del 4 maggio 1898 fu stabilito che il sindaco e la giunta fossero eletti dal consiglio comunale nel proprio seno e rimanessero in carica 4 anni.                                        La giunta era composta, infine, da 2 o più assessori effettivi in proporzione al numero di abitanti del comune

Con l'avvento del fascismo, gli organi democratici comunali furono soppressi e sostituiti da organi di nomina governativa. In Italia, così nel 1926, a seguito della promulgazione di due    cosiddette leggi  fascistissime, ovvero della legge n° 237 del 4 febbraio 1926 ("Istituzione del Podestà e della Consulta municipale nei comuni con popolazione non eccedente i 5000 abitanti") e del regio decreto n°1910 del 3 settembre 1926 ("Estensione dell'ordinamento podestarile a tutti i comuni del regno"), gli organi democratici dei comuni furono soppressi e tutte le funzioni svolte in precedenza dal sindaco, dalla giunta comunale e dal consiglio comunale furono trasferite al podestà, che era nominato dal governo tramite regio decreto.




 Elenco dei Sindaci e Commissari, nonché Consiglieri facenti tali funzioni dal 1883 al 1927.del Comune di Chiaiano.
Sindaci nominati dal Prefetto con Decreto regio dal 1883 al 1900
aventi l'incarico per  3 anni  (lex del 20 marzo 1865, n. 2248)

 Incarico                 Sindaco  o Commissari         Periodo          
Nominato    Cav. Romano Nicola   1883 / 1885
Nominato    Cav. Romano Nicola   1886 / 1888
Consigliere anziano  con funzione di Sindaco
                             Salvatore Di Maio  luglio 1889

 Nominato    Cav. Romano Nicola    1889 / 1891    
 Nominato    Cav. Romano Nicola    1892 / 1894    
 Nominato    Cav. Romano Nicola    1895 / 1897 


 Sindaci eletti   dal Consiglio Comunale
 Nomina della durata di  4 anni 
    (lex  n.164 del 4 maggio 1898) 

 Eletto            Cav. Romano Nicola    1898 / 1900

Dimissioni da Sindaco 
                         Cav. Romano Nicola        1901

Consigliere anziano con funzione di Sindaco 
               De Conciliis Nicola  Luglio/Ottobre 1901

Eletto        Conte Lucino Francesco  1901 / 1903
Eletto           Cav. Filippo Tomasuolo  1904 / 1907
E
letto           Cav. Filippo Tomasuolo  1908 / 1911

Morte del Sindaco  
                     Cav. Filippo Tomasuolo     1907

Consigliere anziano  con funzione di Sindaco                                         Cav. Giuseppe Angelillo  Giugno/Luglio 1907

 
Eletto           Cav. Lamberto Bunel      1907 / 1910
  Eletto           Cav. Gaetano Stravino    1911 / 1913

Consigliere anziano con Funzione di Sindaco
 
                Lamberto Bunel -   Marzo/Agosto 1913

 Eletto         Conte Cesare Desiderio    1911 / 1916
 Eletto         Cav. Ubaldo Gargiulo         1917 / 1918
Commissario  Pasquale Somma       1918 / 1920

 Eletto          Cav. Romano Antonio       1920  / 1926
Commissario liquidatore
                       Cav. Guido Guida            1926  / 1927


Il Comune di Chiaiano fu sciolto  il 1926
ed aggregato al Comune di Napoli che
doveva diventare una Grande Metropoli

Nessun commento:

Posta un commento