domenica 5 aprile 2015

il processo di piazza del Plebiscito 4 ^ puntata



Il Processo richiesto delle statue a Piazza del Plebiscito

Pubblicato il da salvatore43
Quarta ed ultima puntata 
IL Verdetto 

 
piazza del plebiscito a Napoli








Piazza del Plebiscito a Napoli
gremita cone durante le grandi manifestazioni




Nella piazza gremita, dopo la fase testamentaria, si stava aspettando che la giuria popolare  emettesse il suo verdetto, per stabilire una volta per tutte, se l'ottava statua, quella di Vittorio Emanuele II, doveva  essere rimossa o no, o sostituita. Mentre facevo questa mia riflessione fu interrotta per un momento, perché all’improvviso tra la folla appare un attempato signore, con un mandolino fra le braccia, con un altro signore, che, saliti sulla scala che portava su quell’improvvisato palcoscenico, si imposero all’attenzione di tutti.
Li riconobbi subito : Erano Giovanni Gaeta, un caro amico di mio nonno, meglio conosciuto con il suo pseudonimo E. A. Mario, scrittore e compositore della famosa canzone “ la leggenda del Piave “ e l’altro era Il poeta, Don Peppino Fiorelli, che aveva sintetizzato i guai prodotti dall’ultima guerra nella poesia, che fu musicata dal Maestro Nicola Valente, che divenne poi una Canzone famosa in tutto il mondo “ Simme ‘e Napule, Paisà.”
Giovanni Gaeta  ( alias E. A. Mario )       scrittore e compositore di due storiche canzoni


Peppino Forelli ( Poeta di versi
(Simme 'e napule , Paisà !)

Nicola Valente ( musicista Compositore)
della canzone ( Simme 'e Napule, Paisà !)


        


I versi divennero la parola d’ordine dell’auspicata pacificazione non solo fra vincitori e vinti, ma anche fra italiani e italiani, contrapposti da una guerra civile non voluta, né mai dichiarata. I versi dicevano :“Chi ha avuto, ha avuto, ha avuto, chi ha dato, ha dato, ha dato, scurdammece ‘o passato, simme ‘e Napule! Paisà!”




 
Fu concesso la parola al poeta musicista, Giovanni Gaeta, come detto noto con lo pseudonimo di E. A. Mario, che parlò di episodi, che avevano caratterizzato il popolo di Napoli durante la prima guerra mondiale, quella del 1915 –1918 con le semplici note di canzoni, ed era stato capace di mettere tutti d’accordo.



 La leggenda del Piave


 
Le canzoni erano “ la notissima leggenda del Piave” e la meno nota “Serenata all’Imperatore” che aveva dedicato al kaiser Francesco Giuseppe, che aveva denigrato le truppe italiane su un giornale austriaco affermando: “Verranno a combattere contro l’Austria, mafiosi siciliani, briganti calabresi e mandolinisti napoletani”. Riscattò con quei suoi versi semplici, ma decisi, l’orgoglio e l’onore patriottico degli italiani e perché no anche dei Mandolinisti Napoletani, che si presentarono nelle trincee con i mandolini da guerra, i cosiddetti Mandolini tascabili, che si differenziavano dai normali per la loro forma leggermente bislunga da potersi tenere in tasca,






Mandolino classico napoletano


 
Mandolino tascabile utilizzato nella guerra 1915/18


 
 e per tutto ciò guadagnò tanta riconoscenza dal Re Soldato Vittorio Emanuele III, che lo insignì del titolo di Cavaliere e gli fece avere il trasferimento dall’Ufficio postale di Bergamo a quello di Napoli.

LA CANZONE

Serenata All’Imperatore

(Versi e musica di E.A Mario)
===========================


Maistà, venimmo a Vienna,
venimmo cu chitarre e manduline,
pecchè sunammo a’ penna,
pecchè tenimmo ‘e guappe cuncertine!

Tutt’ ‘e pustiggiature
Ca stanne pe’ pusilleco e ‘ncittà
Cantante e prufessure,
cu suone e cante v’hanna fa’ scetà…

e  ‘o ritornello fa :

Mio caro Imperatore
primma ca muore
‘a vide ‘a nuvità,
ll’Italia trase a Trieste.
Ce trase e hadda restà! “
E pe’ cantà a ddoje voce
Venimmo cu Caruso e Pasquariello
Ll’uno ce mette ‘o ddoce
Ll’ato ce fa cchiù forte ‘o riturnello.
Vuje state dint’ ‘a Reggia
E v’affacciate pe’ ringrqazià’ :
è ‘o sciore d’ ‘a pusteggia,
so’ ‘e mmeglie voce ‘e Napule, Maistà !
E ‘o ritornello fa :
“ Mio caro Imperatore
primma ca muore
‘a vide ‘a nuvità,
ll’Italia trase a Trieste.
Ce trase e hadda restà! “
E quanne ‘e reggimente
fernesceno ‘e combattere cu vuje
Maistà, cu sti strumente,
a firmà ‘a pace, ce venime nuje!
Gnorsì! Chesto tenimmo :
chitarre e manduline pe’ cantà ….
Ma, quanno ce mettimmo,
‘e cannune se sentono, Maistà!
E ‘o ritornello fa :
“ Mio caro Imperatore
obbì tu muore
e chesta è ‘a nuvità,
ll’Italia è ghiuta a Trieste.
Ce ghiuta e hadda restà! “




Concluse  l'intervento il maestro E.A.Mario,  augurandosi di lasciare tutto come sta, ormai quelle statue appartengono alla città di Napoli ed invitò poi a rivolgere il pensiero solo al futuro per non ripetere gli stessi brutti errori commessi nel passato, ed iniziò a suonare insieme all’amico Peppino con i mandolini  cantando :“ pecchè basta ca ‘nce sta ‘o sole, ca ‘nc’ è rimasto ‘o mare, e pure si mo’ ‘nce stà ‘a munnezza, ‘o stesse jamme annanze, pecchè ‘nce sapimme ‘o stesse arrangià’ e, accussì, speranne ca dimane n’atu juorne nasciarrà cchiù belle, ca meglie ‘nce farrà stà’ e putimmo n’ata vota accumincià a campà! ”
Terminò il suo intervento affermando che Napoli non aveva bisogno d’essere capitale di un regno per esportare il suo patrimonio culturale, storico e filosofico, poiché aveva avuto un dono naturale, quello di essere una meravigliosa località, che grazie alla sua esposizione al sole, ed al clima temperato riusciva a saper sopportare ogni avversità, che la vita riserva.
Accussì ‘nce n’ascimme, Don Saviere mie!” Sussurrò all’orecchio dell’arzillo pensionato, Donna Concetta e poi continuò: “ passammo pe’ scansafatiche, pe’ ggente rassignate, pe’ chille ca campene cu ‘a mentalità do’ vivere alla jurnata, e dimane po’ se vede”.
Don Saverio serio serio replicò: “ ‘nce avimme st’accorte, pecchè nuje stamme sotto l’uocchie viggile da’ muntagnna nosta, ‘O Vesuvio,


IL Vesuvio visto dal golfo di Napoli





che, quando meno te l’aspiette, farà cagna’ ogne ccosa, 'nce farà une 'e chilli male servizie, comme già ha fatto po’ passato e ‘nce farà proprie scumparì. Sperammo ca nun capitarrà all’epoca nosta ‘stu disastre. (comme ha scritto nu certo Nostradamus) Pirciò cu ‘na canzona, co’ campà’ ‘a jurnata, nun se risolvene ‘e prubbleme, chille rimmanene!. Mo ‘sta statua ca n’avimma fà’? S’adda luvà’, e chi ‘nce mettime ‘o poste suje, Donna Cunce’!”
Non dobbiamo fare filosofia spicciola, stammece zitte! Aspettamme ‘o verdetto, ma po’, ‘a levane o nun levane, a nuje nun ce trase niente dint’a sacca. È sule pe’ fà’ giustizia a Storia.? ‘E Re, ‘e Riggine, e Nobbele,’e Scritture, l’avvucate,’e puliteche è  ‘n’atu munne, ca nuje, gente do’ popole, nun putimme maje capì! ‘A jurnata llora è diversa da nosta, nuje avimme affannà’ pe’ tirà’ annanze, llore nun sanne, comm’hanne fa’ ,invece pe’ passà’ ‘a jurnata.”
Ad ogni intervento gli astanti presenti nella piazza, ora applaudivano, ora fischiavano, quando le argomentazione non erano di loro gradimento, ed erano tutti intenti ed attenti o ad ascoltare ed ad interpretare ciò che era detto sull’argomento della rimozione della statua di Vittorio Emanuele II. Quando si decise di procedere alla chiusura delle testimonianze per far sì che la Giuria potesse emettere il verdetto d’abbattimento o rimozione della statua in discussione, apparve come per incanto tra la folla Pulcinella, la maschera, il mito, che incarna nel modo più vero i napoletani.

la maschera teatrale di Pulcinella
( il simbolo di Napoli per eccellenza )
a






Pulcinella è l’impersonificazione, infatti, in primo momento dei napoletani, (che sono dotati di una furbizia eccezionale, mentre nella realtà rappresenta uomini semplici, forse i più deboli, che attraverso i loro istinti primitivi, le loro contraddizioni), incarna il desiderio di rivincita, dopo le continue avversità, e la voglia di vivere. Sa essere opportunista, ironico, critico e senza inimicarsi nessuno si schiera sempre ed innanzi-tutto solo dalla parte della vita, perché Lui è la vita.
Dopo un primo stupore ed un rumoreggiare indistinto, c’era chi affermava : “ è meglio che ce n’andiamo sta per finire in una carnevalata, e come tutte le cose che si fanno a Napoli .
Pulcinella con voce pacata e seria quasi come a declamare la recita di un copione inizia a dire: “ Il mio verdetto, che consiglierei a questa emerita giuria, che qui autorevolmente è rappresentata, è questo – spostiamo la statua di Vittorio Emanuele II, non è un Re di Napoli!
- 1° perché è un usurpatore, ‘nu mariuole, poi nun se dignate manche ‘e se fa chiammà’, Re di Piemonte, di Sardegna e di Napoli, anze ‘nce ha mise ‘o scuorne ‘nfaccia, facennece guvurnà a ‘nu suoje delegato governative.
- – 2° ‘ A nicchia vacanta spetta a ‘nu rignante sule ‘e Napule, pirciò sarrià accussì belle ammirà a chille poste ‘a cchiù granda Riggina c’ avimme avute a Napule, Maria Sofia, l’urdema Reggina di Napoli, s’ ‘o ‘merete, ha cumbattutte pe’ salvà ‘o regne ‘e Napule comma ‘nu lione.
- 3° Facimme pure ‘na cosa assaje giuste, tra tante uommene, na bella femmene ‘nce sta proprie buone e facimme pe’ ‘na vota ‘na sacrosanta giustizia. Facimme cuntente per le pari opportunità pure ‘e femministe.”




Statua di  Re Vittorio Emanuele II

Regina Maria Sofia di Baviera ( il leone di Gaeta)







La Giuria accolse, dopo l’acceso dibattimento svoltosi nella Piazza, il consiglio di Pulcinella, che impersonificò il vero popolo sovrano di Napoli e decretò che tutti gli atti ed la rimozione della Statua fossero passati alla Corte Costituzione, al Governo, al Parlamento, al Consiglio Regionale della Campania , al Consiglio della Provincia di Napoli ed al Consiglio del Comune di Napoli per la sua applicazione definitiva e nell’attesa dell’esecuzione del verdetto si sperava che non passassero altri 100 e più anni.



C’è stato un seguito con altri personaggi della storia di napoli
allora ci risentiamo un’altra volta se vi è piaciuto
” Il Processo a Piazza del Plebiscito “


1 commento:

  1. ITALIANO
    la ringrazio molto per la condivisione di Sasa sempre di grande interesse tutte le pubblicazioni

    RispondiElimina