martedì 10 novembre 2009

Penziere

Pecchè stasere me turmente ‘stu penziere
pare ca nun vo’ essere cchiù priggiuniere,
e guardanne ‘stu ciele serene
‘stu core vulesse nun suffrì cchiù ‘sti pene.

Nun se vo’ arrennere
Nun se vo’ capacità
ca è passate ‘a covète
s’adda rassignà'.

Pare ‘na frennesìa, ca nun te vo’ lassà',
‘nu suonne doce, ca te dà felicità.
Pare ‘na fantasie, ca cummoglie ‘a rialtà
e pe’ ‘n’attime ‘o munne attuorne scurdà'.

Nun suspirà, nun te fà purtà' luntane
e sule ‘nu penziere
ca nun vo’ essere cchiù priggiuniere.
ca nun ‘o può caccià',........ t’appartene.

1 commento:

  1. < Bellissima! I pensieri sono prigionieri della nostra mente e, a loro volta, rendono prigionieri anche noi,,,A volte ci tormentano, altre ancora ci fanno gioire, comunque ci appartengono perchè fanno parte della nostra esistenza,,,Un abbraccio, Angela>

    RispondiElimina