giovedì 12 novembre 2009

Quanne stà pe ' venì' 'a notte

A NOTTE

Quanne ‘o sole sta pe’ fernì’ ‘a jurnata
‘nciele vide ‘e accumparì’ ‘nu chiarore strane
‘o celeste pare, ca se sporche ‘e grigge
‘a notte po’ è pronte p' ascì’, pe’ nun perdere ‘o prestigge.

Accumence a stennere ‘nu lenzuole scure,
a sera, ca leva ogne culore ‘e cose
e chianu chianu ‘ o ciele se fa cupe
e pare ca è arrivate ‘o mumente do’ ripose.

Si ‘o tiempe è serene, tene ‘na bella surprese
‘o lenzuole scure addevente ‘na trapunta ‘e luce accese
e ‘a luna esce pur’ essa, pe’ se va vedè'
mettennese a fa’ ,arete a cocche nuvole, cucù settè.

Ma si ‘o tiempe è malamente
Se fa venì’ ‘o viente a farle cumpagnia
facennele siscà’ alleramente
comme si recitassero ‘nzieme ‘na bella puisia.

‘A notte, se dice, è fatta pe’ durmì’,
pe’ te stennere ‘ncoppa ‘a ‘nu liette.
Pe’ te scurdà’ ‘e turmiente, ca t’affliggene dinte ‘o piette
Cu’ 'nu desiderie ‘e sunnà’ ‘nu munne senza ‘nfamità.

2 commenti:

  1. Ho avuto la sensazione di sentire una sorta di De Filippo. Molto intrigante. Un saluto.

    RispondiElimina