martedì 18 settembre 2007

La Santarella dei Quartieri Spagnoli di Napoli

Santa Maria Francesca - La Santarella dei Quartieri Spagnoli di Napoli




Immagine della statua di santa Maria Francesca

Conosciuta dai napoletani con il nome di Santa Maria Francesca delle cinque piaghe, non era altro che Anna Maria Rosa Nicoletta Gallo, che nacque a Napoli il 25 marzo del 1715, in una casa del quartiere Montecalvario, da Francesco Gallo e Barbara Basinsi.
Morì il 6 ottobre del 1791, fu dichiarata beata nel 1843 da Papa Gregorio XVI, il 29 giugno del 1867 fu Canonizzata da Papa Pio IX.
E’ Stata l’unica donna napoletana elevata alla Santità, a sedici anni si consacrò al Signore con la regola del terz'Ordine Francescano secondo lo spirito di penitenza di S. Pietro d'Alcantara.
E’ definita la Santa dei quartieri spagnoli ed è Compatrona della città di Napoli dal 1901 ed il suo corpo riposa nella chiesa di S. Lucia al Monte, sita al Corso Vittorio Emanuele (NA) sin dalla data della sua morte, avvenuta nella dimora dell' attuale casa-chiesa di vico Tre Re a Toledo, dove visse gli ultimi suoi anni di vita terrena, dedicando la sua esistenza alla preghiera ed alla costante assistenza di coloro che chiedevano la sua operosa missione cristiana.
Viene ricordata Santa Maria Francesca comunemente dalla gente come la " Santa Vergine delle stimmate" ed è invocata particolarmente dalle donne sterili e dalle future mamme che chiedono la sua intercessione per ottenere la sua benedizione per la grazia richiesta.
La vita di questa santa è ricca di aneddoti che riportano le sue prodigiose e miracolose intercessioni, anche se è descritta una semi-analfabeta arricchita di carismi spirituali come la profezia, la visione, l'estasi.
A Lei si rivolgevano importanti uomini di cultura e Principi della chiesa nell'essere aiutati a sciogliere i dubbi degli studi teologici e nel rafforzamento della Fede Cattolica.
A quasi due secoli dalla sua scomparsa la gente dei Quartieri Spagnoli continua ad osannare questa grande figura di Santità citando le innumerevoli opere di questa Suora Santa, la quale era solita implorare il Signore nel sconfiggere il demonio e raccomandare la gente con alcune sue esternazioni, di cui tra le tante ne riportiamo solo due: "Per carità non offendete Dio, non merita altro che amore". "Siate veri devoti di Maria e raccomandatevi costantemente a Lei, così avrete ogni grazia che desiderate”




Casa di Santa Maria Francesca (Napoli)



Al numero tredici del Vico tre Re a Toledo nei quartieri spagnoli, c'è un Santuario, minuscolo e aggraziato, dedicato a questa Santa, unica Santa nata a Napoli, unica donna dell'Italia Meridionale peninsulare canonizzata.
Si tratta di alcuni locali adattati a chiesetta attaccati alla casa dove suor Maria Francesca visse per trentotto anni e dove morì il sei ottobre 1791.
Nella sacra casa, secondo una pia tradizione, le persone in attesa di grazie usano sedere sulla sedia di santa Maria Francesca, la miracolosa.

 
La sedia della fertilità  di Santa Maria Francesca




Da oltre cent'anni attendono alla cura della Casa le "Figlie di Santa Maria Francesca".
La Congregazione ebbe inizio il 3 gennaio 1884 ad opera di Brigida Cuocolo, su richiesta del Cardinale Guglielmo Sanfelice. Oggi le religiose svolgono attività varie di apostolato e di educazione dei fanciulli e delle giovani, tra la povera gente.

11 commenti:

  1. simpatico il tuo blog ! complimeti!!!

    RispondiElimina
  2. Ciao. Passavo per caso. Mitologia e napoletanità, mi par di capire. Amo che conosce la mitologia e ci rimanevo di sasso qundo scoprivo l'ignoranza dei Greci in merito. Ripassero ogni tanto a leggerti.

    RispondiElimina
  3. pensa che manco lo sapevo che esistesse ma conoscevo il convento delle suere stimmatine di capodimonte e anche loro
    si occupavano di fanciulle :-))

    sei una fonte di sapere riverro'
    a trovarti si nùn te' dispiace:-))

    RispondiElimina
  4. sono un napoletano che risiede fuori,
    sono felicissimo per le notizie che hai dato, per le prossime festività natalizie sarò lieto di recarmi nei luoghi da te descritti.
    Ti ringrazio

    RispondiElimina
  5. utente anonimo19 agosto 2009 14:05

    io sono sposata da nove anni e ho fatto di tutto e di piu x avere un bambino...abbito a salerno...napoli è vicino...so ke solo due gorni alla sett.è aperta la casa di santa maria francesca..mi puoi dire quale sono???grazie

    RispondiElimina
  6. utente anonimo30 agosto 2009 12:30

    ciao a tutti io sono stata nel 2002in questo convento per avere un bambino e mi sono seduta sulla sedia nn so il motivo perche a tutto ce un motivo forse nn era il momento ma nn ho avuto un figlio vorrei ritornarci pero nn so i giorni che sono aperti e l orario potrei saperlo grazie

    RispondiElimina
  7. mi chiedevo ma come mai non si trova un video di una messa celebrata nella chiesa di santa maria francescadelle 5 piaghe ? mi potete aiutare ? grazie a tutti.

    RispondiElimina
  8. utente anonimo19 gennaio 2010 13:23

    il numero del santuario è 081 412248...spero sia qullo giusto anche io provero ad andarci,,, ciao

    RispondiElimina
  9. Bravo! sono un napoletano che abita a Messina e mi piace molto com'è organizzato il tuo blog

    RispondiElimina
  10. utente anonimo16 marzo 2011 09:21

    carino il tuo blog anche il mio blog parla dei quartieri se puoi visitalo perche dobbiamo rendere la nostra zona piu vivibile http://municipalita2napoli.blogspot.com/2011/03/possiamo-farcela-rendere-i-nostri.html?spref=fb e nuovo e stato aperto oggi, siamo noi abitanti del luogo che dobbiamo promuovere e migliorare il nostro bellissimo quartiere

    RispondiElimina
  11. utente anonimo16 marzo 2011 09:27

    sono salvatore sono dei quartieri e bellissimo questo blog e ora di fare qualcosa per il ostro bellissimo ma maltrattato quartiere in questo momento ho aperto un blog  della nostra municipalita 2 perche e ora che noi abitanti del luogo promuoviamo e miglioriamo la nostra zona questo e il mio blog http://municipalita2napoli.blogspot.com/2011/03/possiamo-farcela-rendere-i-nostri.html?spref=fb 

    RispondiElimina