martedì 25 agosto 2009

'A Vita


‘A Vita


Comme vurrie addeventà ‘nu ponte
Pe’ superà ‘stu ciumme dalli furiose onne
E guardanne po’…….. a chell’ata sponte
Putesse suspirà : è state sule ‘nu suonne.

‘A vita è ‘nu sulitarie viagge
int’ a ‘nu deserte, addò nun nce stanne brezze
e ‘ncuntre spisse tante amarezze
e chelli poche gioje songhe ‘nu miragge.

Spisse ‘e parole ‘e ‘n’amiche so’ poca cosa,
ma si venene da’ ‘o core, so’ ‘nu cunforte
ca t’ajutene a essere cchiù forte
p’affruntà ‘stu viagge senza soste.

‘O dimane è ‘nu scrigne chiuse
e nisciune, pure si è curiuse
nun è capace ‘e l’arapì
e chelle ca nce stà, nun se po’ capì.

Vuò sapè’? Comme a vivere s’adda cuntinuà?
E’ tenè ‘o core apierte alla serenità,
ca tanta voglia ‘e nuvità
speranne po’…. Ca ‘o bbuone può assapur
à’.

2 commenti:

  1. vivo da tanto, tanto tempo lontano da Napoli ora sono in Monaco di Baviera, e ho il piacere e l'onore di fare conscere ai miei figli una parte della nostra storia sbiadita dal tempo , uomini come te la rendono sempre attuale , prego continua, altrimenti con te e uomini come te, finisce Napoli. grazie

    RispondiElimina
  2. < Hai descritto pienamente cos'è la vita: molto spesso un cammino nel deserto dove le gioie sono solo dei miraggi...Si può essere tremendamente soli,il più delle volte, anche se intorno a noi c'è tanta gente perchèla solitudine peggiore è l'indifferenza, la difficoltà a guardare l'altro negli occhi e  fermare il tempo per poterlo ascoltare o strappargli un sorriso. A volte basta poco per non sentirsi soli nel deserto della vita e costruire un ponte d'altruismo per superare le difficoltà dell'esistenza che ci travolgono e ci sommergono come flutti impetuosi di un mare in perenne tempesta...Ma l'egoismo, proprio dell'uomo,rende quasi impossibile questo passaggio e l'orizzonte scompare davanti ai nostri occhi perchè cielo e mare diventano indistinguibili nella loro oscurità e il domani non ha certezza... Stupenda! Un abbraccio, Angela>

    RispondiElimina